14 Marzo 2020

Vant della Moiazzetta della Grava – Scialpinismo

Reduci dal canale dei Bureloni, l’amico Cobra ci ospita a casa sua a Molin, ridente frazione di Dont, in Val Zoldana. L’indecisione regna sovrana e dopo un tentativo infruttuoso, ripieghiamo sul programma iniziale ovvero Forcella delle Sasse. Mentre saliamo però ragioniamo ancora sull’esposizione che non ci convince, è un Est, sicuramente la neve non sarà bella avendo nevicato pochi giorni fa…bisogna andare a Nord! Cobra sa che prima del canale suddetto si può salire un altro vallone, il Vant della Moiazzetta della Grava, che non dovrebbe prendere mai sole, la scelta è presto fatta. Partiamo dalla casa Le Vare e passando per la Casera della Grava puntiamo al Vant della Moiazzetta della Grava che effettivamente è in ombra, la neve polvere alternata a tratti di lastrone abbastanza soffice. Saliamo fino a che le rocce ce lo permettono, poi togliamo le pelli e ci lanciamo giù. Davanti a noi un pendio immacolato, sullo sfondo il Pelmo troneggia. Fino alla piana della casera è divertimento puro, poi dopo un po’ di sana racchettata, scendiamo per stradina forestale nel bosco, sempre con buona pendenza fino a Le Vare. Ci spiaggiamo in parcheggio a prendere il sole e poi a casa di Cobra a concludere in bellezza la giornata con 1Kg di pasta al ragù in 5. Super uscita con ambientone inaspettato nella parte alta.  
14 Marzo 2020

Canalone dei Bureloni – Scialpinistica

Dopo una stagione passata a menar piccozze finalmente è arrivata la neve, così decido di aggregarmi alla ciurma di quei matti di Cippo, Marcel e Marco. Cippo vola alto e subito mi propone il Canalone dei Bureloni…all’inizio mi pare una follia e ho bisogno di qualche giorno per metabolizzare…ma poi tutto all’improvviso mi pare la scelta giusta, sento di voler provare…e così sia! Venerdì sera stiamo salendo verso la Val Venegia, notte in furgo e la mattina siamo belli carichi. Con noi anche Francesco dal Piemonte e gli amici Vez e Mitch. Con Francesco ci siamo conosciuti anni fa e adesso quasi per caso ci si ritrova… ma forse nulla capita per caso! Lungo il canale tutti i salti sono coperti ma la salita è un’agonia, tutta da tracciare sulla polvere…non sono più abituato: datemi ghiaccio o almeno neve dura! Poi fuori in cima è uno spettacolo impareggiabile anche se nella mia testa sto solo pensando alla discesa. I tavolari si buttano giù rapidi, chiudiamo la fila io e il Mitch che sui 50° non è che ce la caviamo proprio benissimo ma in qualche modo passiamo. Peccato ci abbiano spazzato il canale facendo affiorare la neve vecchia in qualche punto. Poi da metà il tutto diventa più sciabile e ci ritroviamo con gli altri in fondo al canale. Cippo mi chiede com’è andata. La mia risposta è stata: “è andata!”. Poi ci buttiamo giù per il pendio fantastico fino alla strada bassa. Decidiamo che non siamo sazi e ripelliamo per sciare un altro po’. Marcel vede della polvere intonsa sulla parte sinistra del pendio, ci buttiamo lì: 10 curve, ma le più belle della giornata! Poi giù per boschetti e per la Val Venegia, una garanzia. Alle 17 30 siamo al bar che ci beviamo una radler…già pensando alla […]
27 Febbraio 2020

Canale Nascosto – San Sebastiano Nord

Dopo millenni, back in the game con Laza per questa bellissima salita, attualmente in condizioni a dir poco perfette tanto che ci leghiamo solo per superare il salto in ghiaccio, per il resto saliamo veloci slegati. Decidiamo di portarci dietro gli sci, scelta che si rivelerà azzeccata, nonostante la neve in discesa non abbia mollato (zero termico a 1200-1500m) ma la sciata lungo il vallone che scende dalla forcella San Sebastiano è spettacolare lo stesso. Peccato non riuscire a mettere gli sci ai piedi dalla cima. Grande soddisfazione sia perchè era veramente da molto che sognavamo questa via, sia per la riuscita della combo picche + sci che è sempre una gran figata. E poi super panorama dalla cima, spettacolare! Nel complesso ci aspettavamo più ingaggio vista anche la relazione del Franz su On-Ice ma sicuramente le condizioni ottimali hanno giocato a nostro favore. In realtà un grazie a Giovanni per la soffiata, visto che era stato pochi giorni fa con i clienti!    
5 Febbraio 2020

Cima Ombrettola e Cima Cadine – Anello dal Passo S. Pellegrino

Classicona di media difficoltà dove è il panorama a fare da padrone, da un lato verso la Marmolada, dall’altro verso le Pale. Partiamo dal Passo San Pellegrino e saliamo sci ai piedi su neve ghiacciata che inizia a mollare fino a Forcella del Bachet da cui proseguiamo con gli sci in spalla fino alla cima Ombrettola (utili ramponi e una piccozza a discrezione, 45°). Sciamo su neve pressa in versante Nord fino al Passo delle Cirelle. Qui rimettiamo gli sci e saliamo alla Cima Cadine da cui poi sciamo fino alla macchina per un bel vallone, vario ed entusiasmante. Il versante lato Passo San Pellegrino presenta esposizione prevalente a Sud-Ovest, la neve quindi assesta velocemente e la gita si presta per le giornate soleggiate in modo da trovare firn in discesa, col giusto timing. Scialpinistica che si è rivelata al di sopra delle aspettative come bellezza, in una zona che ho frequentato sempre poco, un grazie a Marco per avermi coinvolto!      
17 Novembre 2019

Tacca del Cridola – Scialpinistica

Sciata infinita quella volta sulla Tacca del Cridola! Salita e discesa nella solitudine, solo il rumore del respiro che si fa sempre più affannato ma bisogna spingere! e della neve che inizia a cadere quando sono su in forcella: è quasi bufera! Poi in discesa peccato per la pioggia negli ultimi 300-400m con annessa neve-cemento: ma non si può tutto! Mattinata super in un luogo magico  
5 Febbraio 2019

Col Rosolo e Cima Verna – Casera Doana

Bellissima accoppiata scialpinistica non impegnativa e su terreno relativamente sicuro in quanto si svolge quasi interamente in bosco, cosa che facilita anche l’orientamento in caso di maltempo. Prestare comunque attenzione alle varie radure! Sono stato due volte in questa zona: la prima mi sono accontentato di salire le due cime principali, la seconda invece, vista la quantità abnorme di neve, ho ripellato per farmi un’altra sciata nel bosco: spaziale! E’ stato bello tornare a Casera Doana sotto la nevicata, in mezzo ai metri di neve, ad ascoltare il silenzio dei boschi e segnare una traccia in mezzo ai larici radi.