8 Giugno 2020

Via del Babo + Capitani Coraggiosi – Monte Cimo

Siamo là che arranchiamo sudati su per il sentiero del Sass de Mesdì. Calura e zecche. “Ma non davano nuvoloso?”, “Però effettivamente non sarebbe più stagione…”, “Ma sì dai che in parete tira vento!”. Parte Niccolò, perchè stando ai suoi calcoli dovrebbe evitare i tiri più impegnativi. Prima lunghezza del Babo, un 6a da antologia su placca a gocce, facile e godibile. Effettivamente in parete è ventilato e si scala pure bene anche se le scarpette surriscaldate rischiano di tagliarsi sulla roccia abrasiva. Secondo tiro che prosegue sulla stessa falsariga, per poi salire un piccolo diedro giallo, stando sempre sul 6a al massimo. Sostiamo prima del diedro duro, rientrando a destra su Capitani Coraggiosi, sulla quale proseguiremo. Segue un tiro non banale in diedro con due strapiombini delicati sul 6b+.  Niccolò inizia a manifestare un leggero dissenso, intuendo già in anticipo che, rispettando i turni siffatti, pure il traverso di 6c toccherà a lui. Per me è una di quelle giornate in cui ti ritrovi a salire una via sportiva senza neanche una relazione, un tiro vale l’altro, basta scalare. Il quarto tiro è in diedro, non difficile ma da impostare bene (6a+). Sul finale sto 2 m a sx degli spit e mi incasino sul difficile…vabbè! Il traverso effettivamente ha tacchette piccoline, però la spittatura è veramente ravvicinata, quindi Nic osa e stampa la libera, sono soddisfazioni! L’ultimo tiro è diverso dal resto, su prese svasate e qualche tacca (5c). C’è la possibilità di calarsi ma decidiamo di uscire e spostarci a sinistra per scendere in doppia sulla parete di Desiderio Sofferto, dove in mezzora siamo alla base. Nic, forse sotto la morsa della fame, mi fa notare che le colate di calcare dei tetti sembrano dei grandi bignè alla crema. Effettivamente… Ormai non possiamo esimerci dal salire la classica […]
25 Maggio 2020

Spigolo Sam – II Pilastro Tofana di Rozes

L’anno scorso avevo visto delle foto spettacolari di questa via, così era finita nell’infinita wishlist…quale momento migliore se non inizio stagione vista la possibilità di calarsi comodamente in doppia! Recluto il Franz e si parte! Avvicinamento velocissimo e attacco immediato. Bel primo tiro con fessura gialla e poi placca grigia compatta che da la sveglia, anche perchè la spittatura è allegra (S2/S3), infatti consiglio di portare qualche friend, soprattutto l’1 che si piazza bene nella fessura iniziale. Poi si susseguono una serie di tiri sempre sostenuti tranne il terzo di IV/IV+, ma pure questo bello. Il tiro chiave di 6c è una bella sboulderata su un tettino dove sbaglio ad impostare la sequenza ritrovandomi a dover mettere il ginocchio per salire, che visto il grip eccezionale non si smuove di un millimetro. Il penultimo tiro è un viaggio di 40m con la sorpresa finale, unico! Dalla fine della via si può proseguire per la classica del II Spigolo fino in cima ma decidiamo di calarci vista la neve che sicuramente troveremo in discesa. Con 6 doppie comode (soste tutte con anello di calata, alcune calate accorpabili) siamo alla base. E’ sempre uno spettacolo arrampicare in Tofana!
24 Febbraio 2020

La Tosta-ta – Sojo Bostel

A distanza di una settimana torno volentieri al Sojo Bostel per salire questa bella via con Trevis, alle prime esperienze sulle vie lunghe ma super in gamba e gasato a bomba! Ce la prendiamo comoda e attacchiamo tardi, intorno alle 11. All’inizio il Sole scalda, poi si alza il vento e finiamo ad arrampicare in pile e piumino, alla faccia dello zero termico a 3400m! Certi tiri sono di soddisfazione ma sui più duri non mi riesce la libera, peccato! Invece Trevis, pur con un riposo, riesce a passare in libera sul penultimo tiro, il più difficile (7b?)…a me invece lo zaino risucchia nel vuoto e sono costretto ad azzerare: grande Trevis! Arriviamo in cima che il Sole sta tramontando, giusto uno snack e poi scendiamo giù alla macchina immersi in un’atmosfera surreale, fatta di nebbia e contrasti di luce.  
17 Febbraio 2020

Il richiamo di Penna Bianca – Sojo Bostel

Voglia di roccia e di sole, lo zero termico è previsto a 3800m: la soluzione è andare a scalare su qualche bella parete a Sud per godersi l’anticipo di Primavera e Francesco mi propone Il Richiamo di Penna Bianca sul Sojo Bostel, in Val d’Assa. Non farà caldo come speravamo, anzi sul finale tirerà un venticello da ghiacciare le mani però la via si rivelerà azzeccata, molto bella e dal sapore alpinistico, vuoi per la tipologia di roccia, vuoi per i continui zig zag a cercare i punti deboli della parete tranne che per il quinto ed il decimo tiro, delle vere e proprie mine se saliti in libera (come noi non siamo riusciti a fare). Le protezioni sono ravvicinate, chiodi e clessidre dove la roccia lo permette, piastrine dove invece è compatta. Alle soste si trova sempre uno spit. Per il tracciato della salita, avvicinamento e discesa rimando alla scheda dell’apritore, ma aggiungo qualche nota sui tiri. Vista la vicinanza delle protezioni, spesso piastrine, la valutazione delle difficoltà è in grado sportivo: Placca con un tratto povero di appigli e diedro finale, 5c; Qualche metro in verticale, traverso aereo a sx e poi in diagonale verso destra, 6a+; In verticale su roccia magnifica, 6b+; Verso destra, poi fessurina fisica atomica e traversino a destra sotto un tetto. Sosta in niccha 6b; Movimento fisico ad uscire dalla nicchia (6c) e poi placca gialla. A0 (7a?); Tiro erboso con qualche movimento carino,5b; A destra a prendere un diedro per sostare sopra di questo, 5a; Verso destra e poi per muro giallo entusiasmante, 6a+; Traverso verso destra sotto al tetto e sosta poco dopo l’uscita, 6b; Tiro molto impegnativo se fatto in libera, soprattutto la seconda metà. A0 e A1. Super proposta di Francesco che mi ha fatto scoprire questo luogo silenzioso […]
7 Novembre 2019

Paklenica – Fra calcare e Ćevapčići

E poi arrivi in sosta, ti volti e vedi il mare. Se hai fortuna e c’è abbastanza silenzio puoi anche sentire le onde che si infrangono sul litorale e dalla cima dell’Anica Kuk, la vetta per eccellenza di questa splendida valle, lo sguardo viene calamitato verso Sud. Si respira aria balcanica. In fondo mare e montagna non sono altro che due facce della stessa medaglia. Ho avuto la fortuna di andare due volte a Paklenica per arrampicare, la prima con l’amico Marco, dopo un infortunio, prendendo le bastonate anche sulle vie facili. La seconda con Cippo, Ventu e l’instancabile Nic con cui ho fatto cordata entrambi i giorni. Entrambe le volte sono tornato con la pelle delle dita consumata e tanti progetti aperti. Entrambe le volte non sono mancati il calcare e i cevapčići.    
23 Ottobre 2019

Parigi 2015 – Col Matt

L’Autunno è la stagione più bella e per goderci un po’ il Sole decido di andare sulle placche del Col Matt in Alpago, ingaggiando la Angela che non vede l’ora di papparsi la sua seconda via lunga. Parigi 2015 mi pare la scelta più saggia. Partiamo dal parcheggio del rifugio Dolada e dopo un po’ di sano ravanage sulla loppa, canniamo pure l’attacco. Dalle retrovie nel frattempo non tardano le lamentele e ogni tanto mi giunge qualche maledizione ma non molliamo e all’alba delle 11 mettiamo mano alla roccia. I panini al salame emanano un buon profumino ma forse è meglio tenerseli per il post scalata e quindi restano nello zaino. I primi due tiri non sono un granchè e su roccia neanche troppo bella, poi le cose cambiano quando la parete si apre e si arriva in vista della famigerata “rigola”. Effettivamente si tratta di qualcosa di unico nel suo genere, una linea proprio bella che si presta molto ad essere arrampicata. Dopo la rigola c’è un traverso delicato a destra dove forse si trova l’unico passo di 6b di tutta la via e dove la Angela prova l’ebbrezza dello spalmo con annesso mini pendolo sul finale. Seguono due tiri su calcare compatto da favola ma i piedi cominciano ad accusare qualche problema e arrivare in sosta per togliere le scarpette è un sollievo. Dall’ultimo tiro mi calo in moulinette e con quattro doppie siamo alla base e ai panini, due dei quali vengono spazzolati ancora prima che la Angela tocchi terra. Poi ci sistemiamo e iniziamo a scendere sui simpatici prati ripidi Alpagoti con epilogo simile a quello mattutino. Poi breve capatina per una birra al rifugio, dove la stufa ci scalda per bene e non vorremmo più andarcene fuori al freddo. Poi però tocca di nuovo scendere […]